• acciaio sostenibilità

AMBIENTE E ACCIAIO, CONNUBIO VINCENTE

Considerato il materiale più green da costruzione, essendo riciclabile al 100 per cento; l’acciaio, una lega composta da carbonio e ferro,  alla resistenza unisce la flessibilità e la pressoché totale sostenibilità ambientale.

Nonostante le acciaierie siano genericamente (ma in parte erroneamente) viste come dei mostri inquinanti, il binomio acciaio ed ambiente parrebbe indissolubile. Ne abbiamo parlato con chi di acciaio se ne intende, dato che ha fornito la maggior parte della lega necessaria alla costruzione dell’Expo 2015 di Milano, ovvero con l’Amministratore Delegato di Manni Sipre, l’Ingegner Massimo Fabbri. Manni Sipre, azienda controllata del veronese Manni Group, è leader nella produzione di prelavorati in acciaio.

Ingegner Fabbri, cosa ci dice del binomio acciaio – ambiente?

Acciaio ed ambiente creano un connubio fortissimo. L’acciaio è un materiale riciclabile al 100 per cento, tanto che addirittura il 60 per cento di quello europeo è completamente riciclato. Ogni elemento in acciaio, infatti, può essere demolito, tanto che esiste un mercato del rottame, nel quale si separano gli elementi e si recuperano. In questo modo non si ha alcun tipo di incidenza sull’ambiente.

Quali gli altri plus dell’acciaio, sempre in chiave green?

L’acciaio è il materiale più adatto per quanto riguarda le costruzioni per le sue caratteristiche di resistenza e flessibilità. Quest’ultima caratteristica è quella che ha consentito agli architetti di Expo 2015 di creare strutture espositive dalle forme nuove ed inaspettate, appunto utilizzando per il 90 per cento l’acciaio… Ma l’acciaio è anche una lega ‘adattabile’: la propria adattabilità si evince nel fatto che può essere utilizzato sia nell’edilizia che nella costruzione di macchinari.

E dal punto di vista della sicurezza, cosa ci può dire?

Ogni edificio, ancor prima di essere bello, deve essere sicuro e le costruzioni in acciaio sono assolutamente antisismiche, in quanto la lega è in grado di assorbire le vibrazioni del sisma. Tutti, più o meno da vicino, siamo stati toccati dai terremoti: ecologia, di fatto, vuol anche dire vivere in armonia con l’ambiente che ci circonda, senza tuttavia temerlo.

Parliamo, ora, della questione economica…

Grazie alla possibilità di applicare i concetti di espandibilità, modularità e prefabbricazione, gli elementi in acciaio sono realizzati industrialmente e, quindi, con costi più bassi proprio grazie alle prelavorazioni, realizzate automaticamente con macchine a controllo numerico tarate con i dati del progettista. Grazie ai programmi 3D, i dati vengono acquisiti, ‘modellati’ e mandati in officina, mantenendo la coerenza con il progetto dell’architetto e rispettando l’ambiente.

Nonostante ciò, il comparto siderurgico sia europeo che italiano è in crisi. Come mai?

La sovrapproduzione ed il prezzo dell’acciaio cinese ha fortemente condizionando l’Europa, tanto che si sta valutando di introdurre misure di antidumping, indispensabili per ovviare al problema. Nello specifico, invece, del caso Italia, a gravare particolarmente sul comparto è stata la chiusura dell’Ilva di Taranto. Certo è che, andando avanti così, si rischia di passare da protagonisti ad importatori!

By |Commenti disabilitati su AMBIENTE E ACCIAIO, CONNUBIO VINCENTE